Pompa di calore per riscaldamento a pavimento

Pompa di calore per riscaldamento a pavimento

Usare la pompa di calore per il riscaldamento a pavimento presenta enormi benefici dal punto di vista del risparmio energetico.

Sebbene sia possibile abbinare altre tipologie di generatori di calore, come la caldaia a condensazione o la caldaia a pellet, è proprio con la pompa di calore che è possibile ridurre al minimo i consumi.

Come ben sai dalla lettura dell’articolo sul funzionamento di una pompa di calore, questa è ben nota per ottenere il suo massimo rendimento a basse temperature di mandata, ossia dai 30 °C ai 50 °C.

Con 1 solo kWh di energia elettrica, restituisce da 3 a 5 kWh di energia termica.

Il riscaldamento a pavimento risulta dunque essere l’impianto di riscaldamento ideale per ottenere il massimo comfort al costo più basso, in quanto rende al massimo alle stesse temperature di lavoro della pompa di calore.

Pompa di calore per riscaldamento a pavimento: vantaggi

Il riscaldamento a pavimento con pompa di calore presenta numerosi vantaggi:

  • Risparmio sulle bollette: essendo entrambi molto efficienti a basse temperature, non hanno bisogno di potenze elevate con un evidente risparmio sui consumi (dal 40% al 75% rispetto agli impianti tradizionali);
  • Elevata efficienza: il 75% di energia proviene dall’ambiente, solo il 25% dall’energia elettrica;
  • Sostenibilità ambientale: la pompa di calore utilizza energie rinnovabili ed è un generatore eco-compatibile, ossia non emette anidride carbonica e non inquina;
  • Unico generatore caldo-freddo: entrambi pompa di calore e riscaldamento a pavimento possono essere utilizzati sia per riscaldare che per rinfrescare l’ambiente;
  • Bassa manutenzione: altro punto in comune, con garanzie sulla durata molto lunghe;
  • Sicurezza: non essendo la pompa di calore un generatore che fa uso di gas, è assolutamente sicura;
  • Comfort abitativo: grazie alla distribuzione omogenea del calore dovuta al riscaldamento a pavimento.

Pompa di calore per riscaldamento a pavimento: consumi a zero grazie a fotovoltaico e solare termico

Solare termico e fotovoltaico

È possibile ridurre i consumi a zero usando una pompa di calore per l’impianto a pavimento? La risposta è affermativa.

Come ben sai la pompa di calore è un generatore elettrico e l’elettricità può essere autoprodotta utilizzando un impianto fotovoltaico ben dimensionato e che tenga in considerazione sia il fabbisogno per il consumo elettrico che il fabbisogno per il consumo termico.

Ne abbiamo abbondandemente parlato sull’articolo riguardante fotovoltaico e pompa di calore.

Sebbene sia consigliato abbinare anche un sistema di accumulo, essendo l’impianto a pavimento una tipologia di impianto di riscaldamento che andrebbe tenuto attivo sempre fin dalle prime ore della mattina, è possibile sfruttare il fotovoltaico anche senza batterie.

Oltre al fotovoltaico è possibile abbinare anche un impianto solare termico, in quanto anch’esso può essere utilizzato come generatore di calore aggiuntivo per un impianto di riscaldamento a bassa temperatura.

Un supporto particolarmente utile nei mesi estivi, quando la pompa di calore può dedicarsi al raffrescamento degli ambienti.

Pompa di calore per riscaldamento a pavimento: detrazioni fiscali

Ad oggi è possibile usufruire di numerose agevolazioni fiscali per l’installazione di pompa di calore e impianto di riscaldamento a pavimento.

In particolare:

Se sei particolarmente interessato alla detrazione del 110%, ti invitiamo a leggere gli articoli su pompa di calore e bonus 110% e pavimento radiante e bonus 110%.

Pompa di calore per riscaldamento a pavimento: quale scegliere

Sul mercato sono presenti diverse tipologie di pompa di calore:

  • Aria-aria;
  • Aria-acqua;
  • Acqua-acqua;
  • Geotermica.

Quale pompa di calore è ideale per il riscaldamento a pavimento? Praticamente vanno bene tutte.

Il principio di funzionamento della pompa di calore è uguale per tutte le tipologie di pompe. Quello che cambia è la fonte di energia rinnovabile da cui attingere per estrapolare il calore.

Alcune utilizzano l’aria, altre il sottosuolo ed altre ancora le falde acquifere ma il funzionamento non cambia.

Molta attenzione invece va prestata alla qualità della pompa di calore, che sia professionale e con un COP elevato, ed al dimensionamento per evitare di acquistarne una che non sia in grado di soddisfare i propri fabbisogni.

Oltretutto in funzione della tipologia di edificio e del clima, purtroppo non sempre la pompa di calore può essere sufficiente e bisogna dunque ripiegare in impianti ibridi.

Dunque come sempre, ma ancor più in questo caso, è doveroso rivolgersi ad impiantisti che siano esperti e certificati affinché sia possibile, dopo un sopralluogo, individuare la tipologia di impianto ideale e veicolare la scelta su componenti che si rileveranno essere efficienti da tutti i punti di vista.

Se sei residente in Sicilia, puoi richiederci un preventivo gratuito o contattarci per fissare un sopralluogo senza alcun impegno con un nostro installatore certificato ed in grado di effettuare tutte le valutazioni e misurazioni del caso.

TI È PIACIUTO? CONDIVIDILO:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email

Approfondisci leggendo anche: