Solare termico a circolazione forzata: guida completa

solare termico a circolazione forzata

Il solare termico a circolazione forzata è una delle tipologie di solare termico più apprezzate in quanto consente non solo di ottenere un maggior guadagno ma ha un impatto estetico decisamente migliore.

Raramente viene impiegato nelle regioni del sud Italia in quanto alcune componenti di questo impianto possono essere soggette a deterioramento di fronte alle alte temperature estive.

In questo articolo scoprirai come funziona un solare termico a circolazione forzata, quali sono i pro e contro di questo sistema ed i rispettivi costi.

Solare termico a circolazione forzata: come funziona

L’impianto solare a circolazione forzata utilizza una tecnologia detta a circuito chiuso che fa uso di uno scambiatore di calore.

In questa tipologia di impianto solare il boiler, ossia il serbatoio che contiene l’acqua da riscaldare, è separato dal pannello solare termico per cui richiede un intervento impiantistico più invasivo e costoso.

Il funzionamento generale è piuttosto semplice. Il fluido termoconvettore – solitamente una miscela di acqua e antigelo – viene riscaldato dal collettore solare e fatto circolare nell’impianto per mezzo di una pompa elettrica.

Il fluido caldo arriva all’interno del boiler per mezzo di una serpentina che fungendo da scambiatore di calore riscalda l’acqua al suo interno che può essere utilizzata come acqua calda sanitaria.

impianto solare termico circolazione forzata
Schema impianto solare termico a circolazione forzata

Una sonda di temperatura posta sul serbatoio rileva la temperatura dell’acqua in uscita e se inferiore a determinati parametri impostati può, per mezzo di una centralina e una valvola deviatrice, deviarne il flusso verso un generatore di calore ausiliario, come una caldaia, che provvederà a scaldarla ulteriormente.

Se l’acqua è sufficientemente calda (solitamente superiore a 45 °C) viene indirizzata direttamente all’utenza.

Solare termico a circolazione forzata: componenti

I componenti di un impianto solare a circolazione forzata sono:

  • Collettori solari, detti anche pannelli solari termici;
  • Boiler, detto anche serbatoio;
  • Pompa elettrica;
  • Una o più sonde di temperatura;
  • Valvola deviatrice;
  • Valvola miscelatrice;
  • Centralina di controllo.

Per quanto riguarda i pannelli solari termici a circolazione forzata è possibile utilizzare sia pannelli vetrati piani che a tubo sottovuoto. Solitamente quelli a tubi sottovuoto vengono utilizzati in ambienti dal clima più freddo.

Pannello solare termico a circolazione forzata a vetri piani
Pannello solare termico a circolazione forzata con vetri piani
Pannello solare termico a circolazione forzata a tubi sottovuoto
Pannello solare termico a circolazione forzata con tubi sottovuoto

È importante sottolineare come l’installazione di pannelli solari con tubi sottovuoto deve essere effettuata da tecnici altamente specializzati per evitare il deterioramento precoce del sistema a causa delle temperature elevate che i tubi possono raggiungere durante i mesi estivi.

In Estate non è raro che i tubi raggiungano temperature pari o superiori a 250 °C danneggiando l’intero sistema.

Solare termico a circolazione forzata: quando farlo

Questa tipologia di impianto viene impiegata in quei contesti dove non è possibile posizionare il boiler in prossimità del pannello solare termico o quando è necessario scaldare quantitativi di acqua molto elevati.

Inoltre per via del suo elevato grado di isolamento termico è ideale per gli edifici ubicati in zone dal clima freddo, come quelle montane, mentre è d’obbligo per i paesi del nord Europa.

Solare termico a circolazione forzata: vantaggi e svantaggi

vantaggi di un impianto solare termico con pannelli solari a circolazione forzata sono:

  • Miglior impatto estetico per via dell’assenza del boiler sul tetto;
  • Dispersione termica ridotta;
  • Acqua calda subito disponibile;
  • Possibile integrazione con impianto di riscaldamento.

Gli svantaggi sono:

  • Costo di investimento medio-alto;
  • Possibili problemi di ristagno in assenza di sistemi a svuotamento.

Solare termico a circolazione forzata: costo

Il costo di un solare termico a circolazione forzata nel 2022 parte da 4500 €. Naturalmente è possibile fruttare le numerose agevolazioni fiscali per il solare termico che consentono di ridurre il costo generale a qualche centinaio di euro.

Se sei residente in Sicilia e sei interessato all’installazione di un impianto solare termico su misura, contattaci per richiedere un preventivo gratuito e senza impegno.

TI È PIACIUTO? CONDIVIDILO:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email

Approfondisci leggendo anche: